Rinnovo passaporto: online, modulo, scaduto, documenti, costo

  • by

Il passaporto italiano è un documento di identità che consente al legittimo proprietario di lasciare l’Italia ed espatriare in Paesi non appartenenti all’Unione Europea.

Il documento è indispensabile; all’arrivo nel luogo di destinazione, la Polizia locale, sita nel posto di dogana, richiederà il passaporto controllandone l’autenticità e la regolarità formale. Qualora il documento risulti non conforme, il proprietario sarà respinto e non potrà entrare nel paese ospitante.

Il passaporto non è necessario per i cittadini italiani che viaggiano all’interno dei confini dell’Unione Europea ed in alcuni Stati vicini (come l’Egitto) per i quali è sufficiente la carta di identità.

Ogni passaporto si compone di 48 pagine e riporta un codice alfanumerico di 9 caratteri che lo identifica in maniera univoca.
I dati essenziali del documento sono nome, cognome, luogo e data di nascita del titolare, sesso, l’indicazione della cittadinanza italiana,il comune di residenza, l’altezza, il colore degli occhi, la data del rilascio e quella di scadenza.

La scadenza del passaporto

Il documento ha validità 10 anni ai termini dei quali il documento va rifatto ( non si parla di rinnovo ma di riemissione del documento). Il passaporto dunque, a differenza della carta di identità non scade e non può essere prorogato.
La riemissione del documento richiede una procedura identica alla prima emissione.

E’ necessario, ad ogni modo, prestare attenzione alla vita residua del proprio documento; molti Paesi extra Europei, infatti, non ritengono valido un passaporto con scadenza inferiore ai sei mesi dalla data di espatrio.

Il passaporto con vita residua inferiore ai sei mesi, quindi, rimane un documento di identità valido, ma non può più essere utilizzato come documento di circolazione.

E’ bene, dunque, in caso di viaggio all’estero attivarsi con un certo anticipo per avere la certezza di avere un documento in corso di validità; in considerazione dei tempi di emissione non troppo celeri, muoversi almeno otto mesi prima dalla data di scadenza potrebbe essere la soluzione migliore.

Come richiedere il passaporto

L’unico organo competente ed autorizzato a rilasciare il passaporto è la Questura. Il cittadino, quindi, dovrà richiedere l’emissione del documento all’ufficio competente territorialmente.

La richiesta potrà essere inoltrata in via telematica, oppure, presentandosi personalmente presso gli sportelli incaricati in Questura.

  1. Recarsi fisicamente presso l’ufficio passaporti, non accelera la procedura per il rilascio. L’incaricato, infatti, si limita a consegnare il modello corretto, corredato di apposite istruzioni per la compilazione, e a fissare un appuntamento al quale il cittadino dovrà recarsi per consegnare tutta la documentazione richiesta e per il rilevamento delle impronte digitali. Soltanto da quel momento si avvierà l’iter burocratico per il rilascio del passaporto.
  2. La procedura online, nata per snellire le code agli sportelli, è intuitiva e veloce. Il cittadino, in primo luogo, dovrà collegarsi al sito www.passaportionline.poliziadistato.it e registrasi seguendo le istruzioni dettagliate che vengono via via indicate.
    Al termine dell’intera procedura di registrazione, il richiedente riceverà al suo indirizzo e-mail una comunicazione contenente la data e l’ora dell’appuntamento in Questura per il deposito delle impronte, l’elenco completo della documentazione da produrre e, in allegato, il modello di richiesto (modello 308 per i maggiorenni) già compilato.

I cittadini meno avvezzi alle procedure telematiche o privi di connessione internet, potranno rivolgersi al proprio Comune di residenza o alla più vicina caserma dei Carabinieri per avere accesso al sistema e prestante istanza di richiesta del passaporto.

Dal 27 giugno 2012, inoltre, è in vigore la disposizione per la quale anche i cittadini minorenni, per viaggiare liberamente, debbono essere in possesso di un passaporto individuale. La procedura per la richiesta è identica a quella già evidenziata prestando attenzione a compilare il modello corretto e riservato ai minori.
Il documento per gli infanti da 0 a 3 anni ha una validità triennale mentre per i bambini ed adolescenti da 3 a 18 ha durata quinquennale e, naturalmente, la domanda deve essere firmata dai genitori.

Documentazione necessaria per il rilascio del passaporto

In occasione dell’appuntamento presso gli uffici della Questura competente, il cittadino dovrà consegnare adeguata documentazione.

  1. Il modello 308 ossia la richiesta di emissione di passaporto opportunamente compilato in ogni sua parte;
  2. Due fotografie, identiche, a sfondo bianco in formato tessera e di cui una autenticata;
  3. La fotocopia di un documento di identità recto e verso;
  4. Regolare quietanza di pagamento, effettuato mediante bollettino postale, di Euro 42,50 a favore del Ministero dell’Economia e delle Finanze (conto corrente postale 67422808) per il rilascio di passaporto elettronico;
  5. Il contributo amministrativo (marca da bollo) di euro 73,50
  6. Il passaporto già posseduto.

Con la consegna della documentazione (che deve avvenire personalmente anche per i minori), la Questura avvia l’iter per il rilascio del documento. Una successiva e-mail segnalerà al cittadino quando il passaporto sarà pronto per essere ritirato. Il passaporto potràù essere ritirato in Questura, presso il comune di residenza oppure, dal 2014, grazie alla collaborazione del Gruppo Poste Italiane e pagando un sovrapprezzo di Euro 8,20, anche ricevendolo direttamente al proprio domicilio.

Tempi per il rilascio del passaporto

Individuare una tempistica nell’iter di rilascio è impossibile. Molto dipende da quando viene richiesto (nel periodi di vacanza i tempi si dilatano molto) e da quanto è “indaffarata” la Questura competente. In piccoli centri di provincia trenta o quaranta giorni possono essere sufficienti, in grandi metropoli, invece, potrebbero non bastare.
Esiste una procedura per il rilascio urgente del documento, ma è prevista in determinati casi specificatamente individuati.

Costi per il rilascio del passaporto

A carico del cittadino vi sono i costi per la marca da bollo (Euro 73,50), l’importo richiesto per il rilascio (da pagare con bollettino postale) pari ad Euro 42,50, il costo per le fototessere ed, eventualmente, per le fotocopie. Volendo quantificare, è possibile stimare in circa 120 Euro la spesa complessiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *